L'Intelligenza Artificiale è tra noi

23 ottobre 2017

  

Sintesi

Le aziende stanno implementando l'uso dell'Intelligenza Artificiale all'interno dei processi organizzazitivi e produttivi senza rinunciare alla forza lavoro umana.

 

Negli ultimi mesi mi sono dedicato con dedizione allo studio dell'Intelligenza Artificiale nello sviluppo di una strategia di marketing. Di intelligenza artificiale però si parla sempre più spesso di qualcosa che quando entrerà nelle aziende come la causa, in un futuro prossimo, della perdita di molti posti di lavoro.

Uno studio di quattro anni fa condotto dalla Oxford University, ha ipotizzato che entro il 2033 il 47% delle mansioni svolte dai lavoratori saranno assolte da applicazioni gestite da Intelligenze Artificiali.

Nel 2016 l'OCSE ha pubblicato un report nel quale illustra come il 9% degli attuali posti di lavoro nell'area degli stati membri può già essere automatizzato grazie all'Intelligenza Artificiale.

Nel breve termine i timori che l'introduzione dell'Intelligenza Artificiale nelle aziende comporti una perdita di posti di lavoro sono infondanti. Infatti un recente sondaggio condotto dalla Tata Consultancy Services e presentato da Satya Ramaswamy ha evidenziato come le aziende in questo momento non stanno investendo nell'automatizzazione dei propri processi produttivi.
Al contrario stanno impiegando l'IA per rendere sempre più sicuri i loro sistemi IT, o per migliorare il monitoraggio del processo produttivo da parte dei propri dipendenti.

Ecco qui di seguito un grafico realizzato dalla Harvard Business Review che mostra l'impiego dell'Intelligenza Artificiale nelle aziende.

Francesco BrioWeb Russo Consulente Marketing | Neuromarketing | Coaching | Leadership | Venezia

Le aziende, in questo momento, non stanno utilizzando l'Intelligenza Artificiale per ridurre i posti di lavoro. L'introduzione dell'Intelligenza Artificiale non è al fine di automatizzare il lavoro umano. Ma bensì per monitorare i processi aziendali, migliorare l'organizzazione interna, individuare eventuali frodi nelle gare d'appalto, gestire i processi di produzione per migliorarli, ecc...

In particolar modo sono tre i modelli che in questo momento le aziende tendono a scegliere per accrescere il proprio business attraverso l'uso dell'Intelligenza Artificiale, senza per questo ridurre la forza lavoro.

Modello 1: ridurre i costi

L'Intelligenza Artificiale può essere utilizzata per gestire i costi ed i ricavi dell'azienda. La capacità computazionale dell'Intelligenza Artificiale è in grado di monitorare l'intero processo gestionale dell'azienda, riuscendo a ottimizzare e trovare le soluzioni per tutti i punti di criticità. Questo permette di aumentare il fatturato dell'azienda ed in particolar modo riducendo i costi i ricavi.

L'introduzione dell'Intelligenza Artificiale nel miglioramento delle performance del motore di ricerca Bing, ha permesso a Microsoft di guadagnare sempre più quote di mercato (in particolar modo in Nord America). Ma l'uso che Microsoft fa dell'Intelligenza Artificiale non si limita a Bing, ma entra in molti comparti, come il suo progetto cloud: Azure.

Modello 2: Aumentare la produzione

Un aspetto molto importante dell'intelligenza Artificiale è che la sua introduzione in azienda permette di aumentare la produzione mantenendo invariato il numero di posti di lavoro. Il caso più eclatante è quello dell'Associated Press. Nel 2013 l' Associated Press ha introdotto l'Intelligenza Artificiale per fare fronte all'elaborazione dell'enorme flusso di notizie. I 65 reporter che componevano la redazione erano in grado di gestire fisicamente solo il 6% del flusso di informazioni.

In particolar modo l'IA ha permesso di riuscire ad elaborare una notevole quantità di news di carattere economico. Permettendo di aumentare l'interesse degli inserzionisti aumentando le quote pubblicitarie, e dando modo alla redazione di potersi concentrare sui temi più importanti e di poterli approfondire, senza dover ridurre il numero di reporter.

Modello 3: Intervenire sulle retrovie

Apparentemente può sembrare vantaggioso introdurre l'Intelligenza Artificiale nella gestione della linea del fronte (leggi a tal proposito Le minacce interne al marketing). Si ritiene che possa incidere notevolmente nel rapporto con i clienti, nel miglioramento dei prodotti, ecc...
In realtà l'introduzione dell'Intelligenza Artificiale offre maggiori risultati (almeno per il momento) quando è introdotta per migliorare l'organizzaziona interna dell'azienda piuttosto che nel miglioramento del rapporto con il cliente.

In poche parole i computer sono molto più bravi a gestire e ottimizzare altri computer che nella gestione delle relazioni umane, le quali sono una leva fondamentale di qualsiasi strategia marketing aziendale.

Questo non significa che l'introduzione dell'Intelligenza Artificiale nelle aziende non comporterà la riduzione di posti di lavoro. Le chatbots per offrire un migliore servizio ai clienti continuano a proliferare. I robot nelle catene di produzione delle fabbriche sono realtà.
Nonostante questo le aziende tenderanno ad impiegare l'IA sempre più per gestire al meglio i propri sistemi informatici piuttosto che ridurre semplicemente i posti di lavoro.

Vuoi suggerimenti gratuiti per catturare l'attenzione, chiudere vendite e aumentare la tua influenza?

 

BrioWeb
E-mail: info@brioweb.eu
Centralino 3515550381
Piazza IV Novembre, n. 22
30030 Cazzago di Pianiga (VE)

Consulenze
Marketing
Leadership
Coaching

Tutti comunicano, comunicare non è da tutti
Dove Marketing
Psicologia
Mindfulness e
T'ai Chi Ch'üan
si incontrano e si fondono

P.IVA 03853870271 | Informativa sulla Privacy, Cookie e Copyright | Mappa del sito | © 1999 - BrioWeb

P.IVA 03853870271 | Informativa sulla Privacy, Cookie e Copyright | Mappa del sito | © 1999 - BrioWeb