Harley-Davidson aumenta le vendite del 2930% con l'AI

20 ottobre 2017

  

Sintesi

Grazie all'uso dell'Intelligenza Artificiale nella strategia di marketing una concessionaria Harley-Davidson di New York ha aumetato le vendite del 2930%.

 

Una concessionaria Harley-Davidson di New York vendeva circa una o due motociclette alla settimana. Troppo poche per mantenere l'attività aperta. Il titolare della concessionaria ha così deciso di rivolgersi al CEO di un'azienda specializzata in Intelligenza Artificiale, la Adgorithms.

La Adgorithms di New York ha sviluppato una particolare piattaforma di marketing chiamata "Albert", la quale permette di sviluppare strategie di marketing sfruttando pienamente le potenzialità dell'Intelligenza Artificiale.

La peculiarità della piattaforma Albert sta nella sua capacità di utilizzare i principali canali di advertising, come Facebook e Google, riuscendo ad ottimizzare in modo automatico le campapagne di advertising.

In un solo fine settimana, Albert fu in grado di generare la vendita di ben 15 motociclette. Asaf Jacobi, il titolare della concessionaria, convinto dai risultati delle potenzialità offerte dalla piattaforma, decise di utilizzarla in modo continuativo per la strategia marketing delle sua concessionaria.

Nel primo mese di attività le visite al negozio aumentarono del 15%. Con una notevole differenza. "Albert" era riuscito a profilare talmente bene il pubblico a cui si era rivolto che le persone che visitivano la concessionaria erano dei potenziali clienti reali.
Le probabilità quindi di riuscire a chiudere una vendita erano molto alte.

Entro il terzo mese, la "nuova" attività marketing svolta attraverso la piattaforma di Intelligenza Artificiale, portò un aumento delle vendite del 2930%.

La concessionaria si dovette organizzare con un vero e proprio call center per gestire le molte richieste telefoniche. "Albert" era riuscito a dimostrare che a New York i potenziali fruitori del marchio Harley-Davidson erano molti di più di quanto ci si potesse aspettare.

L'Intellingenza Artificiale al lavoro

La piattaforma come era riuscita ad ottenere questi incredibili risultati? Grazie alla capacità di analisi di una mole tale di dati che solo l'intelligenza artificiale è in grado di offrire.

Oggi, Amazon, Facebook e Google sono i porta bandiera della rivoluzione legata all'Intelligenza Artificiale. La quale sta dando a questi giganti sempre più vantaggi, permettendo di riuscrire ad attrarre una notevole quantità di nuovi potenziali clienti.
Questo è possibile grazie a strategie di marketing che fanno uso di messaggi altamente personalizzati e comunicazioni pubblicitarie estremamente mirate.

Aziende come Salesforce, IBM e molte startup stanno iniziando a proporre ai propri clienti strumenti di marketing estremamente facili da utilizzare e che sfruttano l'Intelligenza Artificiale.

Si tratta di strumenti che permettono di "evitare" di doversi rivolgere ad una squadra di analisti per elaborare i dati e trarne delle informazioni per costruire la strategia di marketing. Strumenti la cui forza sta nella capacità di gestire in modo globale i dati provenienti da differenti canali di comunicazione.

"Albert", grazie ai dati estratti dal CRM (Customer Relationship Management) della concessionaria Harley-Davidson, ha potuto definire il profilo del potenziale cliente. Creandone di fatto un vero e proprio identikit.
Una volta generato il profilo del potenziale cliente, ha iniziato ad effettuare dei test per ottimizzare la comunicazione per raggiungerli attraverso i differenti canali (social media, sms, e-mail, ricerca, banner...).

Il vantaggio dell'Intelligenza Artificiale

Il vantaggio dell'IA sta nella sua capacità di allocare molto velocemente le risorse verso i canali che permettono una maggiore conversione. Determinando così un notevole aumento del ROI della strategia di marketing.

L'Intelligenza Artificiale è in grado di elimiare il notevole sforzo da compiere per elaborare le "ipotesi" che porteranno a realizzare la strategia di marketing. Lo sforzo che consegue alla raccolta di un'enorme volume di dati e sfrutta in modo ottimale le intuizioni e la creatività dei consulente di marketing.

I sistemi basati sull'AI sono in grado di trovare clienti reali, di individuare quelle persone che hanno la più alta probabilità di diventare dei fruitori del marchio.

Anche se dotato di precisi strumenti di analisi, un consulente di marketing può analizzare e gestire poche centinaia di informazioni in un determinato momento. Deve affidarsi al proprio intuito ed alla propria esperienza per cercare di raggiungere il proprio obiettivo. L'IA è in grado invece di gestire milioni di dati contemporaneamente ed in poco tempo.

Gli strumenti forniti dall'IA possono determinare esattamente quanto un'azienda deve investire nella strategia di marketing, ed in quali canali essere presente per ottenere i migliori risultati.

In quest'ottica è fondamentale quindi saper scegliere il miglior strumento a nostra disposizione. Alcuni strumenti si concentrano su un singolo canale o su una singola attività, come ad esempio l'ottimizzazione del contenuto del sito web. Altri, come Watson di IBM, offrono strumenti che devono essere personalizzati per usi specifici. Vale la pena fare il grande passo. Come ha affermato il titolare della concessionaria Harley: "il sistema sta migliorando continuamente. Gli algoritmi continueranno ad essere affinati. L'anno scorso, abbiamo triplicato la nostra attività nel corso dell'anno precedente."

Questa è una buona notizia per Jacobi e i suoi dipendenti, ma non per i suoi concorrenti.

Cerca nel sito

Francesco BrioWeb Russo
E-mail: info@brioweb.eu
Cell. +393383942154
Piazza IV Novembre, n. 22
30030 Cazzago di Pianiga (VE)

Consulente Web
Marketing
Leadership
Coaching

BrioWeb - Brio Side of the Web
Where Marketing
Psychology
mindfulness and
tai chi chuan
meet and melt

P.IVA 03853870271 | Copyright | Informativa sulla Privacy & Cookies | Dlgs 196 del 2003 | Mappa del sito | © 1998 - BrioWeb

P.IVA 03853870271 | Copyright | Informativa sulla Privacy & Cookies | Dlgs 196 del 2003 | Mappa del sito | © 1998 - BrioWeb