Distrazioni disastrose

BrioWeb Venezia Agenzia Marketing | Neuromarketing | Coaching | Leadership

Articolo del 27 maggio 2019

Nell'articolo di quest'oggi mi voglio soffermare su alcuni temi che ho trattato in più di un'occasione in questo blog dedicato al mondo del marketing. Mi riferisco in particolar modo al fenomeno delle distrazioni, al fenomeno dello stress, e di come un'organizzazione non efficiente del lavoro può portare a dei risultati davvero disastrosi anche la strategia di marketing più creativa ed intelligente.

Oramai è risaputo, soprattutto negli Stati Uniti, quanto la distrazione può incidere in modo negativo su un qualsiasi business, determinando dei costi, e quindi delle perdite molto alte da sostenere per qualsiasi azienda.

Guardando il programma televisivo documentaristico "Indagini ad alta quota", realizzato dalla canadese Cineflix, mi hanno colpito in modo particolare due storie. Premetto che tutte le storie raccontate da questa trasmissione televisiva sono di forte impatto emotivo, infatti in presenza di un disastro aereo, purtroppo, il numero delle vite che si perdono è sempre molto elevato.

Le due storie su cui mi voglio soffermare oggi, e da cui voglio trarre un insegnamento, mi hanno colpito per un aspetto davvero particolare: la "banalità" (se così si può dire) con la quale si potevano evitare queste tragedie.
Queste due storie hanno infatti un denominatore comune: un semplice errore di distrazione, che è costato la vita a 221 persone.

La prima storia racconta le vicende del volo 255 della Northwest Airlines, mentre la seconda narra i tragici fatti legati al volo 3142 della Lineas Aéreas Privadas Argentina.
Due disastri aerei. Il primo avvenuto il 16 agosto del 1987 a Detroit, mentre il secondo avvenuto il 31 agosto del 1999 a Buenos Aires.

Perché parlare di due tragedie, di due disastri aerei, in un blog di marketing? L'obiettivo di questo articolo non è certo soffermarsi sulla sicurezza o meno dei voli aerei. Ma queste due vicende di forte impatto emotivo spero possano far comprendere quanto sia importante assumere dei comportamenti per evitare le distrazioni, che possono portare a commettere degli errori.
Errori che possono costare molto all'azienda, e che spesso sono il frutto di un'organizzazione aziendale che provoca una condizione di stress quotidiano che accumuliamo e che nel corso del tempo si rivela essere davvero deleterio per la nostra salute.

Per quanto può apparire "strano", il benessere dei collaboratori di un'azienda è un elemento fondamentale per garantire lo sviluppo e il successo dell'azienda stessa. Insomma lo sviluppo, il successo ed il benessere di un'azienda (e di conseguenza il fatturato di di un'azienda) sono direttamente proporzionali al benessere psicofisico di chi lavora in azienda.

Questa particolare attenzione nei confronti di quanto può costare la distrazione ad un'azienda non è certo una "fissa" o una "fisima", anzi sono sempre di più gli studi che negli ultimi anni si stanno concentrando su questo fenomeno.

Flight 255

Il disastro del volo 255 della Northwest Airlines è stato causato fondamentalmente da una serie di eventi casuali che hanno portato i piloti ad interrompere più volte le procedure di controllo pre-volo, che questi ultimi devono svolgere prima di effettuare il decollo.

Le distrazioni per un pilota possono essere un messaggio da parte della torre di controllo, piuttosto che il maltempo che impedisce momentaneamente il decollo e così via. In un'azienda le distrazioni certo non sono paragonabili a quelle che possono esserci a bordo di un'aereo. Nella nostra vita quotidiana i fattori di distrazione si può dire che sono più "semplici", ma molti di più, e non poi così banali.

L'arrivo di una telefonata, piuttosto che la notifica di un messaggio di un social network, l'arrivo di una e-mail, di un messaggio di WhatsApp, ecc... La giornata lavorativa di una qualsiasi persona, sia che si lavori in un ufficio seduti ad una scrivania sia che si lavori in strada a bordo di un veicolo, è piena di fonti di distrazione.

Come ho scritto negli articoli "Text the last word", "The #phonelifebalance experiment" e "Il cellulare ci rende stuoidi?", lo smartphone si è rivelato essere uno strumento prezioso ed utile nella nostra vita quotidiana. Il suo uso richiede una profonda consapevolezza. Non tanto per apprendere il metodo migliore per usarlo, ma bensì nel comprendere quanto può rivelarsi una "pericolosa" ed insidiosa fonte di distrazione.

Ma non è solo colpa dei nostri smartphone. Le distrazioni sono il frutto di uno stile di lavoro e di vita sempre più tendente al multitasking e al "per ieri" (leggi a riguardo gli articoli "Stop multitasking", "L'illusione del multitasking", "Il marketing, twitter e lo sforzo cognitivo").

Diventa quindi fondamentale per le aziende organizzare il lavoro in modo tale da limitare il più possibile le distrazioni, creando delle procedure che riducano al massimo l'errore umano. Il caso del volo della Northwest Airlines infatti ha spinto la National Transportation Safety Board (NTSB) a condurre una attenta ricerca su come sviluppare ed eseguire le liste dei controllo pre-volo al fine di evitare possibili errori in caso di distrazioni, arrivando a coinvolgere gli esperti della NASA.

Flight 3142

Anche il disastro del volo 3142 della Lineas Aéreas Privadas Argentina (LAPA) è stato causato da una serie di distrazioni. Al contrario del caso precedente però le indagini hanno dimostrato che in questo caso le distrazioni che hanno comportato gli errori fatali sono dipese da un comportamento non professionale da parte dei membri dell'equipaggio.

I piloti, mentre eseguivano i controlli pre-volo, chiacchieravano con le hostess di cosa avrebbero fatto una volta arrivati a destinazione. L'ascolto della scatola nera che registra i suoni in cabina ha anche messo in evidenza come i piloti mentre eseguivano i controlli pre-volo si passavano una sigaretta.

Assumere il giusto atteggiamento è indispensabile per evitare di commettere degli errori, soprattutto perché assumere un corretto comportamento permette di ridurre il più possibile le fonti di distrazione.

Come ho riportato in alcuni articoli, molti esperimenti hanno dimostrato come il solo tenere lo smartphone a portata di mano può essere una notevole fonte di distrazione e una fonte di stress.

Mettere il cellulare in modalità silenziosa, senza la vibrazione, e capovolto (cioè con il display rivolto verso la superficie della scrivania), può essere già un ottimo inizio per ridurre i fattori di distrazione. Un comportamento ancora più virtuoso e proficuo sarebbe quello di posizionare il cellulare alle nostre spalle, in modo tale che questo sia fuori dal nostro campo visivo.

Come ho già scritto lo smartphone non è l'unica fonte di distrazione, le notifiche dei social network, le e-mail, le telefonate, ecc... possono costituire una notevole fonte di distrazioni. Anche se si tratta di notifiche legate al lavoro quotidiano. Ecco perché è fondamentale ed importante in azienda studiare e sviluppare dei protocolli di comportamento per poter gestire al meglio tutti gli strumenti di comunicazione che oggi abbiamo a disposizione.

Come ho raccontato nell'articolo "Distrazioni? No grazie" l'organizzazione aziendale è fondamentale per fornire le indicazioni per una corretta gestione dei differenti canali di comunicazione, così da garantire la riduzione delle distrazioni e dello stress.

Oggi, più che mai, per garantire il successo di una strategia di marketing, e di conseguenza la crescita di un qualsiasi business, è fondamentale una consapevolezza delle proprie capacità di rimanere concentrati ed attenti nello svolgimento di un compito. L'attenzione oggi è un valore fondamentale per garantire la qualità del lavoro che si svolge. Non solo. Come testimoniano le due storie che ho riportato in questo articolo, una distrazione, per quanto banale, può costare molto cara.

Francesco Russo Consulente Marketing

Cerca nel sito

BrioWeb Venezia Agenzia Marketing | Neuromarketing | Coaching | Leadership

Cosa ti offriamo

La nostra missione

Tutti comunicano, ma comunicare non è per tutti.
Diamo valore alle tue idee di business attraverso strategie di marketing che fanno si che potenziali clienti entrino in relazione con il tuo marchio, grazie alla nostra creatività.
Affascina e fidelizza i tuoi clienti grazie alle nostre strategie di comunicazione determinando un aumento del tuo fatturato, e porta al successo le tue idee di business.

Libro BrioWeb Venezia Agenzia Marketing | Neuromarketing | Coaching | Leadership

Dominio Marketing

Pilastri BrioWeb Venezia Agenzia Marketing | Neuromarketing | Coaching | Leadership

I 9 pilastri

Eclettica

Conoscere è potere, imparare è dominare!

L'accademia creata da BrioWeb per offrire una formazione di alto livello nel mondo del marketing e della leadership.
Clicca qui per scoprire tutti i corsi

Double-M

La rivista italiana di Marketing completamente gratuita

Scopri tutti i numeri

BrioMedia

Infinita emozione di comunicare con il web!

Lo studio multimediale creato da BrioWeb per realizzare video, spot pubblicitari e soprattutto documentari.
Guarda i nostri lavori

Rimani in contatto con noi, ci teniamo molto!

Condividi questa pagina

 

E seguici su

Twitter BrioWeb Venezia Agenzia Marketing | Neuromarketing | Coaching | Leadership Linkedin BrioWeb Venezia Agenzia Marketing | Neuromarketing | Coaching | Leadership YouTube BrioWeb Venezia Agenzia Marketing | Neuromarketing | Coaching | Leadership Vimeo BrioWeb Venezia Agenzia Marketing | Neuromarketing | Coaching | Leadership Vimeo BrioWeb Venezia Agenzia Marketing | Neuromarketing | Coaching | Leadership Vimeo BrioWeb Venezia Agenzia Marketing | Neuromarketing | Coaching | Leadership

Ⓒ2009 - BrioWeb

C.F. e P.IVA 03853870271

 
Recapiti
Tel.: +393515550381
E-mail: info@brioweb.eu

Orario Ufficio
Lunedì - Giovedì
dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 18.00
Venerdì
dalle 8.30 alle 12.30 - pomeriggio chiuso

Informativa sulla Privacy | Powered by BrioWeb