7 consigli per leggere più libri

Agenzia marketing e neuromarketing | Francesco Russo consulente marketing | BrioWeb consulenza marketing  e seo Treviso Padova Venezia

Articolo del 11 marzo 2020

Tutti concordano che leggere sia un'attività fondamentale. Nutre la nostra mente, i nostri sogni, ci rilassa e accresce la nostra cultura. Ma pochi leggono. Ecco allora alcuni consigli per superare la pigrizia e riuscire a leggere di più.

Nella leadership, nel marketing o in qualsiasi altro campo, la cura della formazione è fondamentale. In queste pagine, nelle conferenze e nei seminari in cui faccio il relatore, sottolineo sempre che per dare ad una strategia di marketing quel qualcosa in più è importante leggere, anche e soprattutto, libri che non trattano di marketing (puoi leggere a riguardo: "I migliori libri di marketing? Le raccolte di fiabe").

Chiunque aspiri ad essere un leader migliore è consapevole che può riuscirci solo curando ogni giorno la propria crescita personale.

Mi occupo di marketing, leadership e coaching oramai da molti anni. I molti incontri, i seminari a cui ho partecipato, l'esperienza maturata, mi hanno insegnato che per operare nel mondo della comunicazione è fondamentale nutrire la propria mente.

Per questo motivo il secondo passo (pilastro) del metodo che ho elaborato (vedi "La via dei 9 pilastri del successo"), è dedicato a come mantenere la nostra mente sempre fresca, giovane e creativa. Una delle attività che il "secondo pilastro" prevede per creare le condizioni ottimali per raggiungere il successo è quella di leggere, leggere e leggere ancora.

Fin da che ho memoria ho sempre amato leggere, ed in particolar modo ho sempre amato circondarmi di libri. Tutt’oggi tendo ad acquistare più libri di quelli che riesco fisicamente a leggere. "Zio Paperone" custodiva gelosamente, posata su un cuscino di velluto, sotto una teca di cristallo la sua "Numero Uno". Io non sono arrivato a tanto, ma custodisco altrettanto gelosamente il primo libro "da grandi" che mi fu regalato per il mio undicesimo compleanno.

Si trattava di un classico: "Ventimila leghe sotto i mari" (che puoi vedere nell’immagine che apre questo articolo). Non so se la mia passione per la fantascienza è stata influenzata da quella lettura, ma sicuramente le avventure che ho vissuto a bordo del "Nautilus" hanno influenzato il resto della mia vita. Fino all’età di 26 anni circa, leggevo più o meno in un anno una trentina di libri (nel conto ho escluso i libri letti, seppur con grande piacere, per sostenere i molti esami all’università). Dopo la laurea e la mia entrata ufficiale nel mondo del lavoro, la media dei libri letti ogni anno è scesa vertiginosamente.

Lentamente stavo entrando in quella routine quotidiana che caratterizza molti di noi. Ci si alza al mattino, si va al lavoro, si torna a casa, una seduta in palestra, una pizza con gli amici, ed il fine settimana a riposare a casa, come racconta perfettamente Max Pezzali nella sua canzone Weekend.

Quando nel 2010 sono stato costretto ad iniziare la mia carriera di libero professionista, occupandomi di marketing, leadership e coaching, sono stato "costretto" a tornare a leggere e a studiare per tenermi aggiornato.

Ben presto mi sono reso conto che la lettura mi era mancata, e che soprattutto, leggere diventava fondamentale se volevo proseguire con successo la mia carriera nel marketing. Mi sono allora domando come riuscire a tornare, mantenere, se non aumentare i ritmi di lettura di quando frequentavo l’università.

Oggi più che mai per essere competitivi in qualsiasi ambito della vita (privata e/o professionale) è fondamentale nutrire la nostra mente, ed il miglior cibo per eccellenza per nutrirla è costituito sicuramente dai libri.

Il primo problema che ognuno di noi deve risolvere quando vuole apportare un qualsiasi cambiamento al proprio stile di vita, è quello di metterlo in discussione. Pr poter tornare a leggere con frenquenza o introdurre l’abitudine alla lettura, diventava importante mettersi in discussione.

Nello specifico si tratta di intervenire sui ritmi di ogni giornata. Tutti noi infatti siamo sempre più portati dall’ambiente in cui viviamo ad affrontare qualsiasi cosa con superficialità e soprattutto con velocità. La nostra mente ricorre sempre più spesso al sistema del "click e via" (vedi l'articolo "Imparare ad usare il pilota automatico") per gestire i ritmi frenetici quotidiani a cui è sottoposta. La lettura è invece un’attività che va in una direzione totalmente contraria. Richiede calma, concentrazione e soprattutto tempo.

1) Metti i libri al centro

Nel 1998 lo psicologo Roy Baumeister ed i suoi colleghi condussero un esperimento divenuto famoso con il nome di "chocolate chip cookie and radish experiment".

Gli psicologi divisero i soggetti che dovevano essere sottoposti al test in tre gruppi. Ai partecipanti del primo gruppo fu messo a disposizione un piatto con dei biscotti al cioccolato (quelli che da noi in Italia sono noti come "cookies") e dei ravanelli, con il permesso di mangiare solo i ravanelli.

Ai membri del secondo gruppo fu messo a disposizione un piatto con il medesimo contenuto, ma con la possibilità di mangiare quello che volevano. Al terzo gruppo non fu dato nulla da mangiare.

Una volta conclusa la prima fase del test, a tutti e tre i gruppi fu chiesto di risolvere un puzzle piuttosto complesso. Quelli che ottennero le performance peggiori furono i partecipanti del primo gruppo. Lo sforzo cognitivo per resistere alla tentazione di mangiare i biscotti aveva ridotto la loro capacità di concentrazione.

In casa la televisione, il computer e soprattutto il cellulare possono costituire una notevole fonte di distrazione. In poche parole, TV & Co. sono come i biscotti al cioccolato, mentre i libri sono come i ravanelli.

Ecco perché il consiglio è quello di dare più visibilità possibile ai libri in casa. Personalmente ho scelto di arredare quasi ogni ambiente di casa con la nota "libreria a quadrotti" dell’Ikea, con lo scopo di utilizzare ogni "quadrotto" libero per esporre i miei libri.

Ovviamente non è necessario gettare la televisione o il cellulare dalla finestra, ma magari inserire la TV in un mobile con delle ante che possono essere chiuse all’occorrenza, spegnere il cellulare, e così via può ridurre i fattori di distrazione e incentivare notevolmente la voglia di leggere.

2) Prendi un impegno pubblicamente

Robert Cialdini nel suo libro "Influence: The Psycology of Persuasion" illustra come una volta che una scommessa è fatta si è molto più motivati a vincerla. Spiega come in uno scommettitore di cavalli la convinzione di vincere la scommessa aumenta notevolmente quando il cavallo è in pista che corre, rispetto a quando è in fila davanti allo sportello dove si raccolgono le scommesse.

Impegnarsi pubblicamente con gli amici, con i famigliari, a leggere un certo numero di libri in un determinato periodo di tempo, da una forte motivazione a raggiungere l’obbietto.

Visto che i social network sono entrati nella vita di ognuno di noi, potrebbe essere un’idea quella di prendere pubblicamente l’impegno. Ad esempio sul proprio profilo facebook. Ogni volta che si completa la lettura di un libro si può pubblicare un post con una breve riflessione sullo stesso.

Un ulteriore aiuto potrebbe venire dai membri dei numerosi gruppi presenti sui social network dedicati al mondo dei libri.

3) Cambiare mentalità nel lasciare

Non dobbiamo leggere qualsiasi libro. Sembra ovvio, ma non lo è. Molto spesso capita di acquistare un libro pensando che sia interessante e poi, dopo le prime pagine, di rimane delusi. Lasciarlo sul comodino diventa per noi una specie di piccolo fallimento. Abbiamo speso del denaro per niente… e soprattutto non abbiamo portato a termine il compito. Quello che dobbiamo imparare a fare è di pensare che lasciamo perdere un libro perché così potremmo dedicarci ad un altro nettamente migliore, e che abbiamo avuto la capacità, il merito, di non sprecare tempo prezioso nella lettura di un libro che non è interessante.

Personalmente ho adottato questo stratagemma. Quando mi devo recare in libreria, mi organizzo in modo tale da avere molto tempo a mia disposizione. Il tempo che mi prendo non è solo per consultare con calma i numerosi titoli che la libreria mi offre, ma soprattutto, per avere il tempo di leggere qualche pagina (almeno una decina).

Una libreria non è una biblioteca, è vero, ma sfogliare e leggere una decina di pagine di un libro non è un reato. Da quando ho iniziato a prendere questa semplice abitudine il numero di libri acquistati che poi mi hanno deluso si è ridotto drasticamente.

Se so invece con certezza quale libro comprare, allora rimango comodamente seduto alla mia scrivania e lo acquisto online.

4) Abbandona i siti di notizie e siimli

Gestire la mole di informazioni a cui siamo soggetti richiede tempo. Il problema è che nella gran parte dei casi si tratta di informazioni superficiali, poco approfondite, e soprattutto quando siamo portati a rimanere aggiornati in tempo reale, senza rendercene conto, perdiamo moltissimo tempo.

Il mio consiglio? Abbandona l'abitudine di consultare i siti di news e più in generale di "informazione" con costanza. Questo non significa non tenersi aggiornati, ma di ricavare un momento specifico durante la giornata per informarsi e di focalizzare la propria attenzione a libri e/o approfondimenti che permettano di comprendere il tema che preferiamo. Scegli un settimanale, un mensile, un magazine di approfondimento che tratti l’attualità in modo attento e concentrati su quello. E non ti preoccupare, le principali notizie ti raggiungeranno comunque...

5) Fai girare i tuoi libri

Un’altra cosa che puoi fare è quello di far "girare" i tuoi libri. Normalmente una volta che riponiamo un libro su uno scaffale da lì non si sposta più. Al contrario se invece periodicamente spostiamo quattro o cinque libri per volta da una parte all’altra della nostra casa la "voglia" di leggerli aumenterà.

Scambiarsi libri con gli amici può essere un’ulteriore leva a leggere. Visto che il libro non potrà essere in prestito per sempre e dovrà essere restituito, saremo spinti a terminare in tempi ragionevoli la lettura.

6) Leggi libri di carta

Lavoro con il mondo del web e del digitale dal 1999 e conosco molto bene cosa è un e-book. Però devo ammettere che in un mondo digitale come quello odierno, avere davanti agli occhi "fisicamente" tutti i giorni i libri è un forte stimolo a leggerli. In oltre passiamo talmente tante ore davanti ad uno schermo (PC, TV, smartphone, ecc…) che se per leggere torniamo alla carta non è poi così male, e per chi ci tiene all’ambiente, come è giusto che sia, nessuna paura. Sempre più case editrici utilizzano la carta riciclata per stampare i propri libri.

7) La regola dei 10 mila passi

Una delle abitudini di base che chiunque consiglia, quando si parla di salute e benessere, è quella di compiere ogni giorno 10 mila passi. Garantendo così al nostro corpo salute e benessere. Per riuscire in questo obiettivo è necessario sfruttare ogni momento utile. Lo stesso vale per la lettura. Portare con se un libro e sfruttare ogni momento "morto" per leggere può essere un notevole aiuto ad terminare in breve tempo un libro, e in generale aumentare il numero di libri letti.

In conclusione

Ognuno di noi può trovare gli stimoli ed i "trucchi" migliori per trovare i giusti incentivi alla lettura. Personalmente al mattino prediligo i libri di saggistica, soprattutto quelli legati al mio lavoro. Al pomeriggio ed alla sera lascio spazio più alle mie passioni, la fantascienza e l’avventura in primis.

Io sono riuscito a tornare a leggere un buon numero di libri all'anno. Ognuno di noi deve trovare il proprio equilibrio per poter riuscire a leggere ma soprattutto elaborare e far propri i contenuti che legge.

Buone letture a tutti, e non solo di marketing e leadership, mi raccomando!

Francesco Russo consulente marketing - BrioWeb consulenza marketing

Articolo tratto dal blog di marketing di Francesco Russo
Titolare di BrioWeb, agenzia di marketing e comunicazione di Venezia.
BrioWeb | Marketing | Leadership | Coaching
E-mail: info@brioweb.eu
Centralino: 3515550381
Sito web: www.brioweb.eu

Cerca nel sito

Agenzia marketing e neuromarketing | Francesco Russo consulente marketing | BrioWeb consulenza marketing  e seo Treviso Padova Venezia

Cosa ti offriamo

La nostra missione

Tutti comunicano, ma comunicare non è da tutti.
Diamo valore alle tue idee di business attraverso strategie di marketing che fanno si che potenziali clienti entrino in relazione con il tuo marchio, grazie alla nostra creatività.
Affascinare e fidelizzare i tuoi clienti grazie alle strategie di marketing e di comunicazione determinando un aumento del tuo fatturato, e portando al successo le tue idee di business.

Libro Agenzia marketing e neuromarketing | Francesco Russo consulente marketing | BrioWeb consulenza marketing  e seo Treviso Padova Venezia

Dominio Marketing

Pilastri Agenzia marketing e neuromarketing | Francesco Russo consulente marketing | BrioWeb consulenza marketing  e seo Treviso Padova Venezia

I 9 pilastri

Eclettica

Conoscere è potere, imparare è dominare!

L'accademia creata da BrioWeb per offrire una formazione di alto livello nel mondo del marketing e della leadership.
Clicca qui per scoprire tutti i corsi

Eclettica Magazine

La rivista italiana di Marketing completamente gratuita

Scopri tutti i numeri

BrioMedia

Infinita emozione di comunicare con il web!

Lo studio multimediale creato da BrioWeb per realizzare video, spot pubblicitari e soprattutto documentari.
Scopri cosa offriamo

E-Book gratis

La collana di e-book gratuiti di Eclettica Magazine

Nata dall'esperienza di BrioWeb e di Eclettica Marketing, la collana "Il Signor Marketing e..." offre una gamma di e-book gratuiti in formato PDF dedicati al mondo del marketing, della leadership e del coaching.
Scopri la collana

Rimani in contatto con noi, ci teniamo molto!

Condividi questa pagina

 

E seguici su

Linkedin Agenzia marketing e neuromarketing | Francesco Russo consulente marketing | BrioWeb consulenza marketing  e seo Treviso Padova Venezia Twitter Agenzia marketing e neuromarketing | Francesco Russo consulente marketing | BrioWeb consulenza marketing  e seo Treviso Padova Venezia YouTube Agenzia marketing e neuromarketing | Francesco Russo consulente marketing | BrioWeb consulenza marketing  e seo Treviso Padova Venezia Facebook Agenzia marketing e neuromarketing | Francesco Russo consulente marketing | BrioWeb consulenza marketing  e seo Treviso Padova Venezia

Ⓒ2009 - BrioWeb

C.F. e P.IVA 03853870271

 
Recapiti
Tel.: +393515550381
E-mail: info@brioweb.eu

Orario Ufficio
Lunedì - Giovedì
dalle 8.00 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 18.00
Venerdì
dalle 8.00 alle 12.00 - pomeriggio chiuso

Informativa sulla Privacy | Powered by BrioWeb